Ventura: "Mai detto a Iene che mi dimetto"

Regolare Commento Stampare

Ventura, che non si è presentato ai microfoni dei giornalisti al triplice fischio finale, in conferenza stampa ha chiesto scusa agli italiani e ha detto di voler parlare con i vertici della FIGC prima di prendere qualsiasi decisione.

L'avventura dell'attuale Ct azzurro è giunta al capolinea dopo il disastro nel play-off contro la Svezia che ha escluso l'Italia dai mondiali in Russia, con Buffon e compagni in lacrime e con l'emblematica rabbia di De Rossi in panchina che chiedeva l'ingresso di un attaccante come Insigne al posto suo, perché si doveva vincere, non pareggiare.

Il nome più gettonato per sostituire Giampiero Ventura alla guida della Nazionale italiana sembra essere quello di Carletto Ancelotti. Il fatto del ritiro dei senatori lo sapevamo, la posta in palio era il Mondiale e di conseguenza anche il loro. Un cambio di schema, certo, ma anche di uomini. C'è da valutare un'infinità di cose, vediamo: parlerò con la Federazione, ci confronteremo e valuteremo la situazione. Forse il ritorno di Conte è la pista più perseguibile, visti i momenti difficili che sta attraversando a Londra con il suo Chealsea, dopo aver vinto la Premier League lo scorso anno. Questo è il calcio, lo conosco e lo accetto: una risonanza assoluta ed evidente. Le parole di don Fabio convinceranno l'ex allenatore del Bayern Monaco ad accettare di ricostruire una selezione allo sfascio e riportarla ai fasti di un tempo? "Un uomo di istituzioni deve ascoltare tutti ma anche ragionare con buonsenso con quelle che sono le norme".

"Assolutamente sì, chiedo scusa per il risultato".

"La partita di stasera ha confermato che il gruppo c'è, altrimenti non fai 90 minuti in questa maniera".

AGGIORNAMENTO ORE 15.47: Intercettato dall'agenzia 'Ansa', Ventura ha smentito attraverso un sms di aver annunciato le dimissioni: "Non ho mai detto questo", il laconico commento del Ct dell'Italia. "Non per l'impegno e per la volontà".