Alitalia, il rilancio dei tedeschi: sul tavolo 250 milioni, 2000 esuberi

Regolare Commento Stampare

La notizia è che non c'è fretta.

Lufthansa ha presentato al governo il piano per l'acquisto di Alitalia.

Il quotidiano puntualizza che Lufthansa sarebbe disponibile ad investire 250 milioni di euro per una flotta di 90-100 aerei (sugli attuali 123) tenendo nel perimetro industriale circa 6mila dipendenti tra personale navigante, parte della manutenzione e degli amministrativi. Senza però dimenticare il taglio delle rotte improduttive, che potrebbe comportare l'impoverimento di alcuni scali nazionali, e soprattutto almeno duemila esuberi.

Secondo quanto scritto da Il Messaggero, il vettore tedesco sarebbe anche disposto ad alzare la proposta fino a 500 milioni, ovvero quelli offerti dal fondo Usa Cerberus che, secondo diversi analisti, non garantiscono un futuro solido nella compagnia italiana. Il piano messo a punto dall'a.d. Al netto dei servizi di terra gli esuberi non dovrebbero superare le 2mila unità. Ora dovranno pronunciarsi i commissari guidati da Luigi Gubitosi. Si parla, dunque, con tutti, forti anche della situazione di cassa, con 850 milioni, che vede sostanzialmente intatto il prestito ponte, avendo come obiettivo prioritario l'interesse pubblico generale che è quello di garantire l'integratià aziendale. Infatti gli americani mirerebbero ad acquisire per poi rivendere a pezzi Alitalia, senza dare nessuna garanzia occupazionale futura.