Ostia: gip si riserva su decisione fermo Roberto Spada

Regolare Commento Stampare

Roberto Spada è accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso e dai futili motivi dopo l'aggressione. Un corteo organizzato dal Laboratorio Civico X, al quale si è unita anche la sindaca Virginia Raggi, scrive Repubblica.

Ha provato a difendersi dicendo che quel giornalista lo stava "provocando" con le sue insistenti domande di politica, ma il Gip ha non gli ha creduto ed ha confermato il fermo riconoscendo il "metodo mafioso". Le istituzioni sono presenti, sono vicine ai cittadini nella lotta contro la criminalità e le mafie. Un modus operandi, per il giudice, con cui Spada ha voluto ribadire il potere in un territorio caratterizzato da uno stato di assoggettamento e da una garanzia di impunità.

Oltre duemila persone hanno sfilato dietro allo striscione "Casa-Lavoro-Dignità". Ai manifestanti, un po' stupiti, le forze dell'ordine hanno spiegato che la manifestazione doveva concludersi proprio lì su richiesta dei promotori. Ma la sindaca di Roma non raccoglie.

"Oggi a Roma alla manifestazione contro le mafie la Regione era rappresentata dall'assessore Rita Visini e dal Presidente dell'osservatorio per la Legalità e la Sicurezza, Gianpiero Cioffredi. Casapound Italia in marcia verso il Parlamento", incontro che lancia il vicepresidente del movimento Simone di Stefano verso la candidatura a premier alle prossime elezioni politiche.

Ostia, Raggi alla manifestazione contro le mafie: "Assenza Pd?" Oggi non voglio fare polemiche.

"Non arretriamo di fronte alle mafie, non arretriamo di fronte alla criminalità, noi ci siamo".

Alle 17,30 il corteo si ferma sul lungomare.

"Aderiamo a tutte le manifestazioni di piazza che vogliano dare un segnale senza bandiere di partito, ma sono necessari impegni concreti per questo territorio". Serve un programma serio di rilancio e di controllo, proponiamo una stazione dei Carabinieri in zona Ostia Nuova, la riapertura del Tribunale, del COL, presenteremo di nuovo una interrogazione parlamentare per il potenziamento del Commissariato Lido, chiediamo anche l'apertura di un centro di aggregazione giovanile. Parte una trattava con la polizia e alla fine il corteo riparte. Picca: “Abbiamo condannato il grave episodio ma non abbiamo partecipato perché era un corteo strumentale”. E a Ostia nuova arrivano solo in cinquecento.