Maldini: "Attenta, Italia: senza personalità San Siro può diventare un nemico. Stasera…"

Regolare Commento Stampare

San Siro può dare di più ma anche togliere, se non hai personalità: ho avuto compagni che preferivano giocare fuori casa, è questione anche di feeling con uno stadio così imponente.

Il grandissimo difensore ex Milan ed ex Nazionale, Paolo Maldini ha rilasciato alcuene dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport: "Sono teso, la partita è troppo importante".

SU ITALIA-SVEZIA - "La Spagna era obiettivamente superiore a noi, c'era già la possibilità concreta di fare lo spareggio prima dell'inizio del girone". Sono stato capitano per tanti anni, mi sento dentro questa emozione che poi oggi è l'emozione di tutto il nostro paese. A parlare, in vista della gara di ritorno del play-off mondiale tra Italia e Svezia di questa sera al 'Meazza', e' uno delle bandiere del calcio tricolore come Paolo Maldini. In Svezia non e' stata una bella partita, l'Italia era molto superiore ma non siamo stati capaci a controbattere le loro forze, la tattica rigida e la fisicita'. A volte essere troppo carichi rischia di essere un problema. Ci siamo trovati in questa situazione anche nel 1997 con mio padre CT, facemmo lo spareggio con la Russia. Pronostico? Non mi interessa, l'Italia deve passare.

Come vedi il futuro del movimento calcistico italiano?

"C'era stata una chiacchierata amichevole con la Federazione, ma non se n'è fatto niente". Non ho sentito nessuno e non ho dato risposta positiva o negativa. "Questa però è una di quelle partite che avrei voluto giocare". Ho possibilità di scegliere il mio futuro e se ci saranno le condizioni ideali tornerò, anche se la scelta sarà limitata al Milan o alla Nazionale.