Forti scosse di terremoto: dall'Iran al Costa Rica. Sisma anche in Giappone

Regolare Commento Stampare

Al momento si registrano crolli e molto panico, ma non vittime. "Tutti i pazienti e il personale ospedaliero sono rimasti sepolti sotto le macerie". Lo hanno riferito fonti locali.

Il sisma, che secondo l'istituto geologico degli Stati Uniti avrebbe avuto invece magnitudo 6.5, è stato localizzato 15 chilometri a sudest della città di Jaco e a circa 100 chilometri a sudovest della capitale San Josè. Le scosse sono state avvertite soprattutto nei distretti provinciali di Quepos, Parrita e Garabito, di cui Jacó è capitale. Secondo l'Usgs, la scossa è stata seguita da un centinaio di repliche, con magnitudo massima di 4,7 Richter. Il centro più colpito è Sarpol-e Zahab anche se l'epicentro si trova a circa 30 km dalla città irachena di Halabja e a una profondità di 23 km. Una trentina di squadre di soccorso sono state inviate sul posto, secondo l'Irna, mentre centinaia di ambulanze e decine di elicotteri dell'esercito sono stati mobilitati per le operazioni di soccorso in particolar modo nelle aree rurali. "La situazione nelle zone colpite dal sisma è sotto controllo", ha assicurato la televisione di Stato.

Ali Khamenei ha ordinato la mobilitazione generale "a tutti i funzionari civili e ai militari" affinché partecipino ai soccorsi nelle zone colpite dal terremoto. E nella città irachena di Darbandakhan, le stesse autorità locali hanno chiesto alla popolazione di dormire all'aperto per precauzione. Nell'aprile del 2013 la Repubblica islamica d'Iran fu colpita da due terribili scosse, a distanza di sei giorni l'una dall'altra, la prima di magnitudo 6,4, la seconda di 7,7, la più alta mai registrata nel Paese dal 1957. Poi colpito da un forte sisma anche il Costa Rica.