Direzione Pd, Renzi: "Pronti a dialogare con tutti, ma niente abiure"

Regolare Commento Stampare

Il segretario Pd lo ha detto parlando in direzione: "Vogliamo o no aprire un dibattito serio sia alla nostra sinistra che al centro dello schieramento su quello che possiamo fare insieme?" Il segretario del PD ha chiesto a Piero Fassino di essere accanto a lui durante la campagna elettorale, con un ruolo che non ha voluto precisare: "Mi hanno accusato di perseguire la filosofia del'uomo solo al comando".

Matteo Renzi vuole costruire una coalizione, non un mero apparentamento tecnico, e per questo "dobbiamo proporre un progetto vero", che non può "partire da un'abiura". In questi anni c'è stato un "migliorato".

"Sulla rivendicazione del passato non faremo alcun passo indietro". Non è una situazione economica figlia soltanto del ciclo economico. "Chi abiura rispetto a ciò che abbiamo fatto non si rende conto della situazione in cui eravamo". Non intestare al Pd quanto fatto per portare l'Italia fuori dalla crisi, ha aggiunto Renzi, "è assurdo, illogico e inspiegabile". "Il nostro obiettivo alle prossime elezioni - ha sottolineato Renzi - è essere il primo gruppo parlamentare della prossima legislatura". "Con la coalizione che faremo, anche se non fosse la piu ampia come io auspico, noi siamo già avanti agli altri". E poi coinvolgere i radicali e l'ala più a sinistra come Campo Progressista, cercando di non mettere veti a Mdp: "vogliamo il dialogo a sinistra in primis con Cp, e vogliamo un confronto con Mdp, SI e Possibile" le sue parole. "Non daremo sponde a chi vuole rompere". Chiedo a tutti di essere aiutato in questo percorso.