Ancona, bambino di cinque anni muore dopo essere precipitato in un pozzo

Regolare Commento Stampare

Secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe avvicinato pericolosamente e sarebbe precipitato in un pozzo contenente gli scarti di lavorazione delle olive. Il piccolo è riuscito a chiedere aiuto, ma quando è stato raggiunto dai vigili del fuoco era in arresto cardiaco.

Esattamente come accadde a Vermicino quasi 40 anni fa, anche ieri i soccorritori sono prontamente giunti sul posto della tragedia nel tentativo di estrarre il bimbo dal buco nero nel quale era caduto. Il piccolo si è allontanato dal padre cadendo così nella cisterna. Da quanto si apprende, un soccorritore nel disperato tentativo di salvare il bimbo dal pozzo si è sentito male a causa delle esalazioni. Nonostante questo però, l'intervento è stato vano. Mentre stava giocando nei pressi di una vasca di raccolta dei residui, la fatalità. Il pm che si occupa del caso deciderà in giornata se disporre o meno l'autopsia.

Ancona - Ancora una tragedia che ha portato alla mente di molti la terribile storia di Alfredino Rampi, il piccolo caduto nel pozzo artesiano nel 1981 che tenne con il fiato sospeso tutta Italia. Purtroppo vano lo sforzo di accompagnarlo a sirene spiegate all'ospedale di Senigallia ed il piccolo si è spento durante il viaggio. Le 60 ore di agonia in diretta tv, a reti unificate, mentre 28 milioni di telespettatori seguivano il salvataggio di Alfredino, purtroppo non portarono al lieto fine: i mille tentativi fallirono e il corpo del bambino venne recuperato solo 28 giorni dopo la caduta.