La Porta Praetoria diventa blu per la Giornata mondiale del diabete

Regolare Commento Stampare

"L'unico modo per fermare il dilagare del diabete è un impegno massiccio delle donne, anche per questo la giornata mondiale è dedicata a loro - osserva Enzo Bonora, presidente della Fondazione Diabete Ricerca di SID -". L'evento si terrà il 12 novembre prossimo, presso l'Ufficio Turistico di Alatri in via Cesare Battisti 7, la strada centrale che collega la passeggiata a Piazza Santa Maria Maggiore. Da domani sera, inoltre, la torre del Palazzo dell'ex Provincia, sul lungomare di Bari, sarà illuminata di blu come segno che accomuna tanti monumenti in tutta Italia per celebrare la Giornata del Diabete. Accesso alle cure significa accesso ai farmaci, alle tecnologie, alle informazioni e ai supporti necessari per essere il più possibile autonome e protagoniste nella gestione e nella prevenzione del diabete e delle sue complicanze. L'associazione ha in corso, infatti, da alcuni anni un progetto nelle scuole per sensibilizzare e informare docenti e personale scolastico di quegli istituti dove sia presente un alunno con diabete. La Giornata cade il 14 novembre di ogni anno.

Per questo l'associazione si sta battendo perché la Regione Puglia, come già hanno fatto altre regioni in Italia, recepisca il documento strategico 'Diabete e Scuola' elaborato dal Ministero della Salute in collaborazione con AGDI. In 400 città d'Italia si svolgono almeno 500 eventi organizzati da associazioni di persone con diabete, medici, infermieri, altri professionisti sanitari e persone di altre organizzazioni. La Giornata Mondiale del Diabete è una delle poche nel suo campo a non sollecitare contributi ma anzi a offrire gratuitamente servizi. A disposizione di quanti vorranno ottenere informazioni ci saranno i volontari APGD, tutti genitori di bambini e adolescenti con diabete, e i medici del comitato scientifico dell'associazione, i diabetologi Elda Fredda, Elvira Piccinno, Aldo Torelli, Federica Ortolani e la psicologa Marcella Vendemiale.

Tali costi si possono evitare o ridurre unicamente con un'intelligente azione di prevenzione, che agisca su dieta ed esercizio fisico.