Ekdal: "Mi aspettato un'Italia più forte, ma lunedì può cambiare tutto"

Regolare Commento Stampare

Dovremo essere bravi a non offrire ripartenze e occasioni da gol all'Italia.

"Ekdal e Larsson non saranno disponibili per la gara - ha aggiunto il ct della Svezia, parlando della formazione -". I match si giocano solo in campo, il resto non deve interessare. Augustinsson? La nostra forza è nel collettivo e il ragazzo lavora con grande impegno. "Comunque ho avuto buone sensazioni dagli allenamenti".

"L'arbitraggio? Bonucci può dire quello che vuole, ma per ora siamo in vantaggio noi".

Sulle percentuali di qualificazione: "Non lo so, il 47, 48, 50%. noi vogliamo andare al Mondiale, questo è poco ma sicuro". "La pressione è ancora tutta sull'Italia, una grande nazione dal punto di vista calcistico, praticamente non ha mai mancato i Mondiali". Domanda interessante, anche se la Svezia non è stata assolutamente favorita dall'arbitro.

Dopo Emil Krafth, che ha "ringraziato" Gian Piero Ventura per non aver schierato da titolare Lorenzo Insigne, altre stilettate agli italiani sono arrivate da Jakob Johansson, l'autore dell'unico gol dell'andata, e dall'ex di Juventus, Bologna e Cagliari Albin Ekdal. L'Italia un po' mi ha impressionato in negativo. Infine sull'atteggiamento che potrebbe tenere l'Italia: "Non ci aspettiamo una squadra subito offensiva, per loro il rischio di prendere un gol è troppo alto". Se facessimo gol, la gara sarebbe in discesa per noi.