Svezia-Italia 1-0, Ventura: "San Siro deve darci una mano. Lunedì dobbiamo ribaltarla"

Regolare Commento Stampare

"Dobbiamo solo far risultato, questi novanta è un risultato non corretto e dobbiamo andarlo a ribaltare a Milano". In Svezia e poi col ritorno a Milano in gioco c'è molto: anche un po' di sano orgoglio tricolore ricordando la beffa dell'Europeo con il biscotto tra svedesi e danesi che ci costo' l'eliminazione accompagnata pure dallo scherno nordico con battute vergognose sulla mafia italiana rilasciate a Stoccolma e dintorni. Abbiamo affrontato una squadra che può contare su una fisicità importante, loro ogni volta che lanciavano verso la nostra area si scatenava una bagarre totale.

Intervenuto ai microfoni di Rai Sport prima dell'inizio di Svezia-Italia, il ct azzurro Giampiero Ventura si è così espresso: "Io sono fiducioso, l'Italia c'è, a San Siro ci sarà il pienone e questo ci darà ulteriore stimolo a portare a casa questo Mondiale".

In chiusura: "Non sono sorpreso dell'interpretazione della Svezia, sapevo che avrebbe fatto questo. Forse cambieremo qualcosa, oggi però non contano i moduli, contano la voglia e la rabbia di ribaltarla, anche con l'aiuto del pubblico e con un po' più di correttezza dal punto di vista della direzione di gara". I gialli sanno che per andare in Russia devono sfruttare il fattore casalingo.

Il rischio, per Ventura, di divenire il peggior commissario tecnico della storia è più che concreto. L'altra, appunto, nella totale assenza di lucidità dell'analisi dei 95 minuti della Friends Arena di Solna: dove l'Italia ha sbagliato tutto ciò che poteva sbagliare. E' ora di ricompattarsi attorno alla squadra, che lunedì a San Siro in un caso o nell'altro scriverà un pezzo di storia: mai nessuno nella storia dei playoff mondiali ha ribaltato l'1-0 dell'andata (Paesi Bassi ko contro il Belgio nel 1985, Repubblica Ceca ko contro il Belgio nel 2001, Bosnia-Erzegovina ko contro il Portogallo nel 2009, Svezia ko contro il Portogallo nel 2013); altrimenti sarà assenza dalla Coppa del Mondo, cosa che all'Italia non accade da 60 anni. Riusciranno Buffon e compagni a qualificarsi per i Mondiali?