Spara a un migrante in un centro di accoglienza a Caserta: fermato

Regolare Commento Stampare

I militari dell'Arma sono intervenuti nella struttura di via Leonardo da Vinci dopo la segnalazione del ferimento di Bobb Alagiee che, nelle ore precedenti, aveva incendiato, per protesta, la sua stanza causando l'evacuazione dei migranti alloggiati nello stabile. Intanto Alagiee è stato trasportato d'urgenza dai soccorsi, giunti immediatamente presso il centro "La Vela", presso l'ospedale civile di Aversa. Mi sono portato sul posto e quando sono giunto sono stato aggredito da alcuni ospiti, tra cui il giovane in questione che mi ha dato dei pugni aiutandosi con una pietra. Il gestore Centro di Accoglienza "La Vela" di Gricignano è accusato di tentato omicidio.

"Quello che e' accaduto nel centro di accoglienza non ha nulla a che vedere con i cittadini di Gricignano, ma devo registrare nelle ultime settimane delle lamentele da parte della cittadinanza, per cui nei prossimi giorni diro' alla prefettura di Caserta che come Comune non possiamo piu' accettare altri arrivi di migranti". Circostanza che, secondo i carabinieri di Marcianise, avrebbe provocato la reazione dell'aggressore. Prima dell'arrivo dei vigili del fuoco, il socio del consorzio, un 43enne, lo ha affrontato. La lite è poi degenerata, e l'uomo ha esploso due colpi di pistola, ferendo il ventunenne alla bocca.

L'italiano si trovava a bordo di una macchina, guidata da una seconda persona: dopo l'aggressione è scappato in auto, facendo perdere le proprie tracce.

Le dichiarazioni di un testimone e gli accertamenti effettuati dai carabinieri hanno permesso di rintracciare l'uomo e sottoporlo a fermo.