NewsF1 Qualifiche Gp Brasile: Hamilton a muro, Bottas in pole

Regolare Commento Stampare

Dobbiamo trovare il giusto bilanciamento e questo ci aiuterà ad avere il passo per le qualifiche e la gara, anche se credo che sarà comunque difficile battere i nostri avversari principali. "Volevo essere davanti ma non ho gestito benissimo i freni alla curva 1 nell'ultimo giro, ho perso un po' troppo - ha raccontato il ferrarista, che ha perso la pole position da Valtteri Bottas per appena 38 millesimi - sapevo che dovevo recuperare nell'ultimo settore, ce l'ho fatta ma non abbastanza". "Non è stato facile in alcuni punti del circuito, nelle prime due curve non è stato semplice gestire le gomme - il commento di Kimi Raikkonen, terzo in griglia -".

Continua il "silenzioso" duello in casa Renault tra Hulkenberg e Sainz, con il tedesco in nona posizione e lo spagnolo in undicesima a tre decimi.

Segue la Haas di Romain Grosjean seguita dalle due Toro Rosso di Gasly e Hartley, che hanno vissuto la sessione pomeridiana come prima vera sessione del weekend, visto che in mattinata i due piloti avevano compiuto complessivamente solo 7 giri per via di grossi problemi ai propulsori. Assente oggi Sergio Perez che ha chiuso in un'anonima dodicesima posizione, viste le prestazioni che può raggiungere la sua VJM10.

Poi le Sauber di Wehrlein ed Ericcson, con lo svedese che è anche andato a sbattere contro le barriere, ma fortunatamente per lui, senza danneggiare la macchina.

L'ultima posizione del pilota italiano si spiega con il fatto che la Haas aveva programmato di farlo girare unicamente con la gomma soft per tenersi un set in più di gomme supersoft. In seconda fila l'altra Ferrari di Raikkonen (che in conferenza stampa ha promesso battaglia per il 2018) e Verstappen. Ci proverà in gara a prendersi la prima casella per ritrovare il gusto della vittoria che ormai manca dalla magica doppietta di Budapest.

Sul long run invece, la SF70-H si è mostrata seconda forza, dietro alla W08 di Lewis Hamilton, sullo stesso passo della Mercedes di Valtteri Bottas, e migliore della RB13 di Max Verstappen. Nulla è scontato, perché le possibilità di assistere a delle sessioni bagnate, sono più che concrete.