Fabrizio Frizzi malore news, post su Facebook: il conduttore rompe il silenzio

Regolare Commento Stampare

Lo fa con un messaggio su Facebook, il primo contatto con il pubblico dopo la forzata interruzione della conduzione de L'Eredità.

Non scrive come stiano esattamente le sue condizioni di salute, ma fa capire che il suo percorso di recupero non sarà breve come si pensava all'inizio, perché racconta di combattere per riprendersi e di essere stato ripreso per i capelli dall'equipe dell'ospedale Umberto I. Frizzi ha ringraziato tutto il personale sanitario, definito un fratello Carlo Conti, che ha preso il suo posto all'Eredità, e si è emozionato per la grande ondata di solidarietà arrivata nei suoi confronti. "E devo gratitudine eterna anche ai loro infermieri", aggiunge. Grazie a tutti per i messaggi che piano piano leggerò e che mi daranno forza per superare questa brutta avventura. Eppoi il fratello Carlo Conti per tutto! Proprio all'azienda pubblica dedica una grossa fetta di ringraziamento, con due menzioni particolari per il direttore Orfeo e per l'amico Carlo Conti: "Naturalmente ringrazio gli amici dell'Eredità e il medico della Dear per la rapidità del soccorso.la Rai intera, il direttore generale ORFEO per la costante vicinanza".

E ancora - ha aggiunto Frizzi - GRAZIE - scritto in lettere maiuscole - ai miei famigliari e agli amici di una vita che mi hanno supportato in maniera incredibile.

"Ringrazio infinitamente i medici dell'Umberto 1° - prosegue - che mi hanno ripreso per i capelli".

Il post rompe il lungo silenzio intorno alla vicenda che teneva col fiato sospeso migliaia di telespettatori, ansiosi di rivedere presto in tv il conduttore. "Un abbraccio a tutti". In attesa di rivederlo di nuovo in televisione: i più ottimisti dicono che il conduttore potrebbe tornare già dal gennaio prossimo, dopo le vacanze natalizie, ma non si sa ancora nulla e soprattutto è difficile che succeda, visto i rischi che ha corso. Ma almeno, ora, Fabrizio è a casa, insieme ai suoi cari, e finalmente si è fatto sentire da quel pubblico che da giorni aspettava un suo messaggio.