Aeffe: utile netto balza a 11,9 mln nei primi nove mesi

Regolare Commento Stampare

Si sono chiusi con un utile netto pari a 99,1 milioni di euro, in crescita del 34,8% rispetto ai 73,6 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente, i primi nove mesi del 2017 per Interpump, produttrice di pompe a pistoni professionali ad alta pressione e attiva nel settore dell'oleodinamica, quotata a Piazza Affari.

Alla luce dei risultati registrati dal Gruppo nel primi nove mesi dell'esercizio, è ragionevole confermare lo scenario di affermazione e consolidamento della nostra posizione di mercato e, più in generale, gli obiettivi del periodo 2017-2019. I ricavi sono risultati in crescita del 5,3% a 54,188 mld. L'utile netto ordinario del gruppo è invece di 2.583 milioni di euro (2.700 milioni di euro nei primi nove mesi del 2016, -4,3 per cento): al netto delle partite non ricorrenti, l'utile netto ordinario del Gruppo aumenta del 3 per cento su base comparabile.

"La progressione della redditività, dovuta anche ad una raccolta ordini Primavera/Estate 2018 che ha registrato una crescita del 15%, ci fa ben sperare per il futuro". Ancora debole (-3%) la Russia, che equivale al 3% del fatturato consolidato, ma il vero tallone d'Achille sono gli Stati Uniti, al 6,3% delle vendite, con un decremento del 13,4% a tassi costanti, soprattutto a causa dell'impasse dei department store. Il retail, che rappresenta il 26,9% delle vendite del gruppo, ha riportato un incremento del 18,4%.

Aeffe SpA, che controlla noti marchi della moda, tra cui Alberta Ferretti, Philosophy di Lorenzo Serafini, Moschino, Pollini, Jeremy Scott e Cédric Charlier, vanta un patrimonio netto di 146,9 milioni di euro.

L'Indebitamento Finanziario Netto è pari a Euro 21,0 milioni (Euro 21,3 milioni al 30 settembre 2016, Euro 1,6 milioni al 31 dicembre 2016).