Renzi attacca: intese lontane. "Futuro premier? Anche Gentiloni"

Regolare Commento Stampare

Niente di fatto questa mattina, con un nuovo annuncio, successivo al risultato delle elezioni regionali in Sicilia, sui social Luigi Di Maio ha annunciato il suo dietrofront. "Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione". Un "cinguettio", quello di Rossi, che ha un po' il sapore di 'quello che c'ha preso gusto'. Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi a DiMartedì su La 7, rivendicando i risultati del suo governo.

"Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa quando lui era il candidato premier di quella parte politica". E va in questa direzione anche la battaglia di Renzi sulle banche e su questo il segretario dice su La7 una frase choc: "Monte dei Paschi di Siena è una banca in cui ci sono troppi misteri, a cominciare da David Rossi".

FUTURO PREMIER? "È una discussione sterile perché il potenziale premier lo decide il Parlamento e dico purtroppo, non essendo passata la riforma costituzionale. lo sceglie il presidente della Repubblica che dà un incarico". "E' un anno che vengo dipinto come uno che vuole tornare a tutti i costi a palazzo Chigi" aggiunge Renzi. A una domanda sulle proposte M5s, Renzi risponde: "Ho talmente tanto rispetto che ero pronto a confrontarmi anche per questo motivo con Di Maio, credo che i Cinque stelle abbiano tanti argomenti.".

"Il Pd è politicamente defunto".

Ancora da definire la meta dell'ex presidente del consiglio, ma sono due le alternative possibili: una visita al distretto della giostra in Alto Polesine, oppure una capatina nel delta per un velocissimo tour nel Parco.

Per esempio, gli avrebbe voluto chiedere il perchè ha partecipato soltanto al trenta per cento delle votazioni alla Camera. "Di Maio ha paura del confronto con Renzi, quindi lo annulla senza mezza motivazione. Vediamo chi è più cittadino e chi è più casta?". D' Alema e Bersani non mi vogliono?

Dunque, Gentiloni. Così come aveva fatto Ettore Rosato in mattinata, Renzi ammette che il nome di Gentiloni è spendibile.

Il segretario è già in "modalità elettorale", e infatti ha deciso che uno dei primi punti all'ordine del giorno della Direzione pd di lunedì prossimo sarà la legge sui vitalizi. "Chi ha sbagliato deve pagare - ha continuato - il vicepresidente di Banca Etruria è stato commissariato da noi". "Io da premier ho sbagliato nell'approccio", ha aggiunto, "quando ho sbagliato, sono andato a casa io". Siete ossessionati voi giornalisti. "Alla terza ci proporranno un confronto Di Maio-Di Battista", ha detto Matteo Richetti, portavoce del Pd.

ELEZIONI "Sono convinto che il Pd sarà il primo gruppo parlamentare".