Modena: online foto di 60 ragazzine in atteggiamenti intimi

Regolare Commento Stampare

Era una chat segreta, un gruppo whatsApp di minorenni, ma è diventato di dominio pubblico: sono così finite in rete le foto hot di 60 ragazzine.

Le sessanta ragazze "non sono criminali", precisa Mirabile, "i criminali sono coloro che diffondono quelle immagini, ma certo sono vittime della propria superficialità, del ritenere di doversi fare apprezzare per il proprio corpo e non per la propria testa, e soprattutto si sono fidate di altre ragazze", con cui, visto l'alto numero di partecipanti di quella chat, non potevano essere in stretta confidenza.

Le 60 protagoniste hanno scoperto che tutto il materiale, foto e video, era finito sul web.

Secondo quanto riporta Quotidiano.net, un amico delle ragazze, probabilmente uno dei fidanzatini delle ragazze ha reso note le foto "tradendo" la loro fiducia.

Appena le dirette interessate sono venute a saperlo, è stattata la paura perchè ora le foto postate online sono a disposizione di chiunque voglia vederle.

L'istituzione di vigilanza online però non può intervenire senza una denuncia di uno dei genitori delle ragazze: il link alle foto hot è quindi ancora attivo, può continuare ad essere consultato e compulsato. E' stato il fidanzato di una delle adolescenti, quando la situazione è diventata pesante, a rivolgersi all'associazione antipedofilia "La caramella buona".

"Sono riconoscibili e rischiano di essere contattate e ricattate da gente senza scrupoli".

"Quelle fotografie, quei video sono una mina vagante", conferma Roberto Mirabile, giornalista e presidente della caramella buona.

I ragazzi di oggi vivono immersi nella tecnologia e sempre più si anticipa il loro ingresso nel mondo del web. Le foto saranno presto rimosse dalla polizia postale. In questo modo consente loro di cavalcare la loro naturale curiosità verso l'amore con maggiore libertà di quanto farebbero nella vita reale.