Svezia-Italia, Florenzi: "Pronto a morire in campo per il Mondiale" 106 07-11

Regolare Commento Stampare

In allenamento calciava i rigori allo stesso modo e li segnava sempre. "Con Andrea ho giocato poco, devo dire la verità, spesso contro però". Con Pirlo non ho giocato molto ma l'ho affrontato tante volte, ha scritto la storia. "Daniele ha più presenze e tutti sanno che persona è anche fuori dal campo". "Ne approfitto per fare gli auguri a Gigi Riva, che oggi compie 73 anni".

Mancano soltanto tre giorni all'andata del doppio confronto tra Italia e Svezia, che decreterà chi tra le due potrà far parte dei prossimi Mondiali di Russia, che si giocheranno nel 2018. "L'obiettivo comune è quello di andare al Mondiale". La Svezia ha molti calciatori impegnati in campionati internazionali. Non sarà facile ma abbiamo un grande gruppo e su quello sono basate le nsostre vittorie.

Il giocatore della Roma ha poi parlato degli avversari: "Senza Ibrahimovic fanno meno paura ma la squadra è buona nel collettivo".

Quanto hai dentro del momento straordinario della Roma? "Mi sento in condizione, se il mister vorrà contare su di me io sono pronto".

La Svezia è stata già affrontata agli Europei.

"Ci pensavo a dire la verità ma pensavo prima a tornare bene e questo per fortuna è successo". In quella partita giocai a sinistra e facemmo una grande gara, dobbiamo ripeterci, vogliamo fare una bella prestazione.

Sulle dichiarazioni di Ventura. Che non ha dubbi sulla prontezza dei suoi compagni: “Impossibile non esserlo, è una gara fondamentale e i motivi si sanno. Non possiamo non essere pronti, la partita è troppo importante. Stanno sempre corti e compatti, si muovono insieme e non sarà facile metterli in difficoltà'. Dobbiamo sfruttare la nostra qualità, faremo una grande gara. "Dovremo tenere il loro passo".

Il 3-5-2 sembra un ritono all'Italia che fu di Conte. Conterà il carattere e l'impegno che metteremo contro la Svezia.

Quali sono le sensazioni del ritorno a Coverciano? "Io sono nella via di mezzo, sono tanti anni che sto in Nazionale ma non come tanti senatori che sono qui che ci hanno trasmesso subito l'obiettivo che deve essere comune, cioè che l'Italia deve andare al Mondiale, deve essere un punto fisso nella nostra mente".