Tokyo. Nove persone uccise, fatte a pezzi e messe in frigo

Regolare Commento Stampare

Quando gli agenti sono andati nel suo appartamento per una perquisizione, hanno fatto il macabro ritrovamento; in una camera, inoltre, c'era una sega. La polizia sospetta che tra le vittime ci sia anche la ragazza scomparsa. In seguito i filmati di sorveglianza l'hanno ripresa mentre camminava insieme a un uomo, rivelatosi poi Takahiro Shiraishi, per entrare nell'appartamento di quest'ultimo, da dove non sarebbe mai più uscita. I pezzi di corpi erano in dei contenitori refrigeranti.

Gli inquirenti sono risaliti a lui analizzando diversi messaggi scambiati con la ragazza via Twitter, nei quali la giovane sembra avesse espresso la volontà di compiere un gesto suicida in comune. Parti dei corpi di altre sette persone sono state trovate in altri contenitori all'interno della casa, in vari stadi di decomposizione. Diverse le segnalazioni fatte dai vicini di casa che lamentavano dei cattivi odori provenire proprio dal suo appartamento, fino dall'agosto scorso. In totale il giovane ed insospettabile serial killer avrebbe quindi ucciso e smembrato almeno 9 persone, otto donne e un uomo.