Incendi in Piemonte, Minniti: "roghi dolosi"

Regolare Commento Stampare

Qui sono state evacuate inizialmente 60 persone e nella giornata di domenica 29 ottobre i carabinieri hanno invitato casa per casa tutte le persone a lasciare le abitazioni. Non sono ancora completamente sotto controllo gli incendi che stanno interessando il Piemonte da giorni e che hanno distrutto oltre tremila ettari di bosco.

Si segnala, inoltre, la chiusura a causa del fumo dell'autostrada del Frejus, A32, sia in direzione Bardonecchia, da Chianocco a Susa ovest, sia in direzione Torino da Oulx a Susa.

( Regioni.it 3260 - 30/10/2017) Dopo il Piemonte anche la Lombardia è in procinto di chiedere lo stato di emergenza nazionale per l'acuirsi del fenomeno incendi. Ai microfoni di '6 su Radio 1′ Franco Licini, coordinatore della Protezione Civile Piemonte, traccia un bilancio della notte di soccorsi per l'emergenza incendi che sta devastando il Piemonte.

"A Mompantero situazione decisamente cambiata", ha segnalato il consigliere regionale Antonio Ferrentino su Facebook.

La Regione ha inoltre annunciato che sono in azione 137 volontari Aib e 5 elicotteri che stanno operando a ciclo continuo sul territorio, coadiuvati da 4 Canadair messi a disposizione dal Centro operativo aereo unificato (Coau) e da due elicotteri Superpuma della Confederazione Elvetica. Operazioni rese difficili dal vento. Quasi 200 anziani sono stati trasferiti negli alberghi e in altre case di riposo della valle.

"Non abbiamo trovato dispositivi già consumati, ma dispositivi pronti ad agire. Quindici mezzi aerei, che possono operare contemporaneamente, sono un numero significativo". Ci sono state però polemiche da parte di alcuni amministratori locali, che hanno denunciato il ritardo nell'arrivo degli aiuti e uno scarso interesse da parte del governo centrale.

Difficoltoso l'intervento dei vigili del fuoco anche per via del vento e del fumo: è stato, infatti, impossibile usare i canadair e gli elicotteri.