Denis Bergamini news nuova perizia: il calciatore "morto per soffocamento", è svolta?

Regolare Commento Stampare

Un risultato quello del nuovo sofisticato esame autoptico che, come riporta il Quotidiano del Sud, "non collima con la tesi del suicidio sotto il camion in corsa e rafforza, invece, l'esito della consulenza del Ris di Messina, incompatibile con l'ipotizzato decesso causato dall'impatto con l'autocarro in movimento". Secondo indiscrezioni sono queste le conclusioni della perizia chiesta dal procuratore capo di Castrovillari Eugenio Facciolla, che riapre il caso Bergamini a quasi 28 anni esatti dalla morte.

Donato "Denis" Bergamini, l'ex calciatore del Cosenza nato ad Argenta (Ferrara) e morto nel 1989 in un misterioso incidente sulla strada statale 106, sarebbe morto "per soffocamento" e non per i traumi relativi allo scontro.

L'ipotesi della Procura di Castrovillari è quella di omicidio e su queste basi sono attualmente indagati l'allora fidanzata del giocatore, Isabella Internò, e l'autista del camion che investì il calciatore, Raffaele Pisano. A luglio la salma venne riesumata per nuovi test.

Ma i familiari e gli amici di Denis non le hanno mai creduto e anche magistrati e investigatori hanno sempre espresso dubbi sulla sua versione dei fatti. Ora si aprono nuovi scenari.