Napoli, Hysaj detta la linea: "Battiamo il Sassuolo, poi il City"

Regolare Commento Stampare

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Dopo la sofferenza iniziale, vi scatenate e rimontate ma poi prendete il gol di Izzo. "C'è stata di certo un po' d'amarezza perché potevamo gestirla meglio e quindi soffrire di meno". Quando succede però devi pensare che si sta sul 3-2, restare tranquilli e portare a casa il risultato.

Mertens è fortissimo! Ho chiesto anch'io a lui come abbia fatto a segnare il secondo gol.

Com'è andata con l'episodio del caffè con Insigne a Genova? Nel mirino ci sono due sfide da non sbagliare.

"Sassuolo? Sarà una partita difficile perché ha giocatori di alto livello". Si sentirà l'assenza di Berardi, ma ci sono tanti altri calciatori pronti a fare bene. Ma la sfida più attesa è quella con il Manchester City: "Al momento è la squadra più forte d'Europa, ma abbiamo dimostrato di potercela giocare". Faremo di tutto per vincere. "Il Genoa è una bella squadra, è stato un match duro, ma abbiamo vinto". È un giocatore veloce, forte sia fisicamente che tecnicamente. Dopo Genova, il Sassuolo al San Paolo, l'occasione per allungare la striscia positiva che gli azzurri si portano dietro in campionato dalla scorsa stagione.

Sui tifosi: "L'affetto del tifo napoletano lo conoscevo anche prima di venire, qui i tifosi non ti mollano mai, anche nei momenti dì difficoltà". Cosa succederebbe a Napoli in caso di Scudetto?

Il 23 è sempre stato il mio numero di maglia da quando giocavo in Serie B. Aspettavo che si liberasse per riprendermelo.

"Speriamo di farlo, io ci provo ma non devo oltrepassare i limiti, non è una mia ossessione. Bisogna giocare a calcio, se c'è qualcuno meglio posizionato gliela passo sempre".