Inter: Icardi, Non si tratta di fortuna

Regolare Commento Stampare

Il capitano nerazzurro, reduce dalla doppietta contro la Sampdoria, ha concesso un'intervista a rivista Undici rilasciando dichiarazioni interessanti, a cominciare dal momento della squadra: "No, non si tratta di fortuna". L'obiettivo stagionale è chiaro per tutti che sia il ritorno in Champions League. "I pali? Eh, su questo non sono molto contento". Ha puntato su di me quando avevo 19 anni insieme a Piero Ausilio, il quale parlò con mio padre e il mio agente dell'epoca.

Più entusiastici i commenti di Luciano Spalletti che si è definito emozionato dal comportamento dei suoi giocatori: 'Quello che mi fa effetto e mi emoziona è il comportamento della squadra. È stato lui quello che ha più insistito. Abbiamo fatto una buona prestazione e sono contento sopratutto per loro, perché meritano questa attenzione da parte di tutti perché sono professionisti importanti. "Ero arrabbiatissimo in quel periodo, tornavo a casa sempre di cattivo umore".

Sulla crisi nerazzura dell'anno scorso, Icardi non riesce a darsi una spiegazione precisa: "Dopo la pausa per le Nazionali di marzo ci siamo ritrovati 'smarriti', diciamo 'persi'". Ed ecco la chiosa finale sui progetti per il futuro: "Io mi vedo proprio qui. Spero di fare una lunga strada all'Inter, voglio vincere qualcosa con questa maglia" ha concluso.