BCE mantiene tassi fermi ma annuncia avvio "tapering" a gennaio 2018

Regolare Commento Stampare

Nel dettaglio, i tassi di interesse sulle principali operazioni di rifinanziamento, sul credito finanziario marginale e sui depositi rimarranno invariati rispettivamente allo 0%, 0,25% e -0,40%.

Il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della BCE si mantengano su livelli pari a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l'orizzonte degli acquisti netti di attività.

Come atteso, oggi la Banca centrale europea ha annunciato il primo passo sul tapering: la manovra di progressiva riduzione degli stimoli monetari.

Il direttivo della Banca centrale europea ha deciso di ridurre il quantitative easing, il programma mensile di acquisti, avviato nel marzo del 2015, dagli attuali 60 miliardi a 30 miliardi. Il programma durerà fino alla fine di settembre 2018, o più in là se necessario, e comunque fino a quando la Bce non vedrà un adeguamento sostenuto nel cammino dell'inflazione coerente con il suo obiettivo di inflazione fissato al 2%.

Se le prospettive diverranno meno favorevoli o se le condizioni finanziarie risulteranno incoerenti con ulteriori progressi verso un aggiustamento durevole del profilo dell'inflazione, il consiglio direttivo e' pronto a incrementare il Qe in termini di entita' e/o durata.

Le Borse in rialzo dopo la decisione della Bce di dimezzare il Qe estendendolo fino a settembre.