Apple: "mai sacrificato la qualità Face ID per la quantità"

Regolare Commento Stampare

Il nuovo sistema di riconoscimento facciale sembrerebbe essersi rivelato molto complesso da produrre, motivo per cui Apple avrebbe deciso di ridurre la precisione del sistema.

Ma soprattutto, non conosciamo gli effetti che l'abbassamento di questi limita possa avere nella capacità del Face ID di garantire uno sblocco veloce e sicuro in ogni condizione.

A partire da venerdì 3 novembre alle 8:00 del mattino gli iPhone prenotati potranno essere ritirati nei negozi, e anche per chi non ha prenotato lo smartphone ci saranno comunque smartphone disponibili, anche se potrebbero esserci problemi di disponibilità per alcuni tagli di memoria (64 GB o 256 GB) o finiture. La differenza, ovviamente, sta nelle dimensioni: il Kinect aveva lo spessore di un grosso libro, mentre su iPhone X il tutto è compresso in pochi millimetri di alta ingegneria.

Come già spiegato in questo articolo, la TrueDepth Camera alla base del Face ID si compone di 3 componenti principali. I rumors in merito ai ritardi nella produzione del prossimo melafonino riporterebbero come causa principale proprio questa nuova e tecnologica funzionalità.

La produzione dell'iPhone X è stata rallentata particolarmente dalla produzione del sensore 3D per il riconoscimento del volto, ora Apple pare abbia abbassato le specifiche di vari componenti che fanno parte del sistema Face ID. Questo delicato sensore, infatti, utilizza un laser a cavità verticale a emissione superficiale (VCSEL), il cui laser è composto da un semiconduttore chiamato arseniuro di gallio; il tutto va piazzato dietro una lente di vetro e l'intero sensore è estremamente fragile e difficile da assemblare. Le scarse vendite di iPhone 8 e iPhone 8 Plus sono in gran parte dovute al desiderio da parte di utenti Apple e non solo di puntare sul nuovo top di gamma della "mela".

In questi giorni si sta parlando tantissimo del "flop" nelle vendite dell'Iphone 8, e secondo gli esperti molta della colpa è da attribuire all'imminente lancio del chiacchieratissimo iPhone X.