Retroscena Ibrahimovic-Inter, Raiola: ''Non si trasferì per Calciopoli''

Regolare Commento Stampare

Mino Raiola è stato intervistato dal portale svedese Expressen ed è tornato sulla carriera di Zlatan Ibrahimovic. La grande diaspora di campioni da Torino, che seguì allo scandalo di Calciopoli, fu una delle più grande delusioni del popolo bianconero.

"Quando Zlatan lasciò la Juventus era stato tutto preparato già da un anno". Non si trasferì per lo scandalo (di calciopoli), non aveva nulla a che fare con quella questione. Per me era l'ideale per Zlatan. Avevo già organizzato l'affare. Dopo Barcellona, poi, sentivo che doveva tornare a Milano, ma non all'Inter. Era andato all'Inter per scrivere la storia. Non voleva lasciare Milano.

Raiola, infine, inquadra così l'iniziale ritrosia di Ibra di inziare la sua avventura al Paris Saint-Germain, in Ligue 1: "Non gli piaceva Parigi?" Sapeva che avevo ragione, a volte si infastidisce quando ho ragione. Alla fine fa quello che vuole. "Non c'è animale al mondo, elefante, arma o bombe che possano fargli fare cose che non vuole, neanche io". "Periodo al Barcellona? Fantastico per me, per lui era molto brutto" ha concluso.