Juventus, Agnelli: "Orgogliosi dei sei scudetti consecutivi, grazie Allegri"

Regolare Commento Stampare

Il mio ringraziamento deve andare a tutti gli uomini e a tutte le donne che lavorano per la Juventus.

E' oggi il giorno dell'assemblea degli azionisti della Juventus.

SU ALLEGRI - "Ha fatto un lavoro straordinario, ha portato avanti un lavoro che per altri sembrava concluso".

Juventus, Agnelli e lo schiaffo a Conte - Il presidente della Juventus Agnelli ha poi proseguito: "siamo estremamente orgogliosi, mai nessuno nella storia del calcio era riuscito a vincere 6 scudetti di fila". Un ringraziamento a Beppe Marotta e a Pavel Nedved, oltre a Fabio Paratici. "La sfida adesso dev'essere centrare il settimo Scudetto e confermarci in Europa". Il successo più bello sarà il prossimo. "Ma quest'anno c'è anche la sfida delle J-Woman, in bocca al lupo alle ragazze e a Rita Guarino".

Si parla infine di cifre: "Il fatturato, escludendo i trasferimenti, ammonta a 411,5 milioni, con un utile di 42,6 milioni. Abbiamo come sponsor di maglie Cygames, mentre lo Stadium è sponsorizzato da un'importante azienda come Allianz, senza dimenticare il fresco accordo stipulato con Netflix".

DIRITTI TV - "Ci attende una nuova sfida su quello che sarà l'esito del bando di assegnazione dei diritti sul nostro campionato, la situazione attuale dei broadcaster italiani non ci lascia fiduciosi". L'obiettivo della Juventus è quello di vincere il settimo scudetto e di andare avanti il più possibile in Europa. Il focus per questa società sarà sempre il calcio giocato, ma per sviluppare la parte sportiva è importante concentrarsi sul lavoro fuori dal campo. Verso la Federazione, da parte mia arriva un fermo richiamo su due punti: riduzioni delle squadre - da venti a diciotto - e puntare sulle seconde squadre.

NAZIONALI E TRASFERIMENTI - "Dobbiamo rivedere la finestra dei trasferimenti, associando esigenze di club a quelle delle nazionali. La Primavera disputa un buon torneo, ma non abbastanza per produrre calciatori in grado di giocare nelle prime squadre".