Firenze, don Pallù atterra a Peretola, Nardella: ti accogliamo a braccia aperte

Regolare Commento Stampare

Don Pallù torna a casa, a Firenze. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Angelino Alfano a Radio Capital. Al sindaco, che l'ha abbracciato e gli ha fatto i complimenti per il suo lavoro in missione, don Maurizio ha risposto: "Io non faccio nulla, fa tutto Dio". Da parte sua solo parole di gioia, prive di risentimento.

Il sacerdote italiano rapito in Nigeria, don Maurizio Pallu', é stato liberato.

"Ho avuto paura di morire, sono stato sequestrato con due ostaggi, poi ieri sera ci hanno rilasciati vicino a una strada".

Nell'incontro con Nardella don Pallù ha espresso la volontà di "tornare subito in missione". Per il religioso si tratta del secondo rapimento in un anno. Ho sentito molto l'assistenza dei santi, della Vergine Maria, della fondatrice del Cammino catecumenale, Carmen Hernandez. Il missionario ha ringraziato il Signore quando è giunto in aeroporto a Firenze. Una cosa importante da sottolineare è questa: "i miei rapimenti sono avvenuti tutti e due il 13 ottobre nella festa della Madonna di Fatima". "Queste sono anche notizie della notte quindi ci sono state sicuramente delle evoluzioni, comunque le informazioni che abbiamo noi sono positive".