Tumore stomaco asportato senza bisturi al Ismett Palermo. SVOLTA TUMORI

Regolare Commento Stampare

E' la prima volta al mondo, come accennato in apertura, che un tumore sottomucoso dello stomaco, ovvero che si genera negli strati più profondi, viene interamente asportato senza l'impiego della chirurgia tradizionale, ma soltanto grazie a una procedura endoscopica. L'operazione è stata effettuata al IRCCS ISMETT siciliano e rappresenta una grande novità per il settore. E' la prima volta al mondo che si utilizza tale tecnica. L'intervento è stato possibile grazie al nuovo sistema di sutura endoscopica che permette di "ricucire" il foro effettuato durante la procedura. La fase resettiva è stata portata avanti con un elettrobisturi endoscopico miniaturizzato che ha consentito la rimozione della neoformazione e della parete gastrica adiacente - in modo da rendere l'intervento radicale. La seconda fase, quella di chiusura della parete gastrica è la più innovativa.

La possibilità di intervenire per via endoscopica apre, quindi, nuovi scenari: intervenire su lesioni prima di appannaggio esclusivamente chirurgico, ridurre il dolore post-operatorio e i tempi di degenza. In pratica la paziente è stata sottoposta ad una gastrectomia cuneiforme, le è stato asportato un tratto di tessuto dello stomaco a forma di cuneo, per via endoscopia: così facendo i medici sono riusciti a rimuovere la neoformazione di cui soffriva. L'intervento è stato realizzato dal dottore Antonino Gratata e dal dottor Mario Traina.

Dopo l'intervento senza bisturi, la paziente, una volta smaltita l'anestesia, ha potuto muoversi liberamente, alimentarsi dopo solo 48 ore, e in tre giorni ha lasciato l'ospedale.