Rottamazione bis cartelle esattoriali: il governo approva il decreto

Regolare Commento Stampare

Il decreto fiscale contiene anche una norma anti-scalate che prevede l'invio di una lettera da parte di un investitore quando si supera una soglia azionaria prestabilita. Secondo quanto emerso dalle fonti di palazzo Chigi, le rate sarebbero massimo 5 di pari importo da saldare a partire da luglio 2018 e fino a febbraio 2019.

Inoltre, si riapre fino alla fine di novembre il termine per i pagamenti per chi ha saltato le rate di luglio e settembre. Infine è previsto lo stanziamento di 600 milioni di euro a favore di Alitalia e la proroga del prestito ponte concesso lo scorso maggio.

- CARTELLE FISCALI: oggetto della misura sono i carichi affidati al 30 settembre 2017.

I contribuenti con piani di dilazione in essere alla data del 24 ottobre 2016, non ammessi alla definizione agevolata, a causa del mancato tempestivo pagamento di tutte le rate degli stessi piani scadute al 31 dicembre 2016, potranno presentare domanda entro il 31 dicembre 2017, "con le modalita' esclusivamente telematiche e in conformita' alla modulistica modello pubblicate" dall'agente della riscossione sul proprio sito internet entro il 31 ottobre 2017. Al fine di sostenere il tessuto economico-produttivo di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, è stato istituito un Fondo, denominato 'Fondo imprese Sud' a sostegno della crescita dimensionale delle piccole e medie imprese.

La dotazione del Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese è incrementata di 350 milioni per il 2017 e di 200 milioni per il 2018. Gli incarichi a generali ed ammiragli potranno durare al massimo tre anni e non potranno essere rinnovati o prorogati. Prevista la proroga della restituzione del finanziamento ad Alitalia e la costituzione del fondo imprese in crisi.

Il Draft budgetary plan infatti deve essere trasmesso all'Ue entro il 15 ottobre, che cade di domenica, facendo slittare la scadenza al giorno dopo.

- BAGNOLI E MATERA: Nuove risorse per la bonifica e il rilancio di Bagnoli (164 mln per il 2017) e per la rigenerazione urbana di Matera (3 mln). Arrivano 32,5 milioni di risorse: 9 milioni al Bambino Gesù; 11 milioni alla Fondazione Irccs Santa Lucia; 12,5 milioni al Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica. Ma l'operazione saltò all'ultimo momento. Anche in questo caso il riferimento è a Vivendi e alla scalata Mediaset.

Torna sul tavolo delle contrattazioni l'annosa questione delle cartelle Equitalia e delle controversie con l'Agenzia delle Entrate: in queste ore decisive per la messa a punto del nuovo decreto fiscale e del Ddl di bilancio, emerge la possibilità (quasi una certezza) che si apra lo scenario per nuove rottamazioni.