Nigeria, sacerdote italiano rapinato e sequestrato in Nigeria

Regolare Commento Stampare

Nigeria, sacerdote italiano Maurizio Pallù sequestrato da gruppo armato. Sull'accaduto è stata allertata l'unità di crisi della Farnesina con la Procura di Roma, gruppo Antiterrorismo, che ha aperto un fascicolo d'indagine. L'uomo di chiesa sarebbe stato bloccato insieme ad altre quattro persone mentre si stava recando a Benin city, nel sud del Paese africano. A fermarli è stato un gruppo armato, che dopo averli rapinati di tutti i loro averi, ha rapito il sacerdote che si trova in missione da tre anni. L'indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Caporale e dal pm Sergio Colaiocco. Poi nel 1988 è entrato in seminario, al Redemptoris Mater di Roma.

Da "presbitero itinerante" della "Fondazione Famiglia di Nazareth" per l'evangelizzazione itinerante, Don Maurizio era partito per l'Africa, diffondendo il Cristianesimo nell'arcidiocesi di Abuja, in Nigeria.