Baroni, Benevento: "A Verona senza paura, bisogna fare punti"

Regolare Commento Stampare

Sugli uomini a disposizione: "Memushaj da domani rientra, Ciciretti ieri ha avuto la febbre ma dovrebbe recuperare".

Costa si è fermato per un riacutizzarsi del problema che lo aveva già fermato tempo prima.

PARTITE IN POCHI GIORNI - Non posso nascondere che ci sono dei giocatori che per noi sono importanti e se stanno bene è logico che li metta in campo.

Sette sconfitte su sette per il Benevento: le uniche due squadre a partire così male in Serie A sono state Venezia 1949/50 (primo punto alla nona) e Legnano 1951/52 (primo punto all'ottava).

Dovremo essere un po' come l'anno scorso al Bentegodi ed e' una caratteristica che appartiene a questo Benevento. "Quando c'è la voglia da parte di tutti e la consapevolezza di quello che serve, il ritiro viene preso non come un qualcosa di punitivo ma come una opportunità di crescita". Per quanto riguarda l'atteggiamento del sistema di gioco, questa è la strada per il momento, ovvero il 4-3-3, nel quale la squadra dimostra di avere maggiore equilibrio e gestione della palla.

L'allenatore giallorosso è arrivato a un bivio e si gioca tutto contro gli scaligeri, anche loro in lotta per la salvezza.

VERONA - Noi andiamo a Verona facendo la partita che sappiamo: è una partita delicata per entrambi, dobbiamo pensare a come fare risultato, e non ad avere paura di non riuscire a farlo. "E' un modulo che in questo momento ci da' maggiori garanzie". Abbiamo tanti calciatori nuovi che sono arrivati con condizioni fisiche diverse e il ritiro ha avuto la funzionalita' di lavorare al meglio - ha spiegato il tecnico del Benevento. "Per adesso il 4-3-3 e' la soluzione che portiamo avanti". Affrontiamo un avversario difficile e sono sicuro che faremo un'ottima gara.