Nuoto: Federica Pellegrini e l'ultimo oro mancante

Regolare Commento Stampare

"Questo è un premio federale, non l'Oscar - ha detto Paltrinieri -".

A svelare il contenuto dei messaggi sessisti - poi rimossi da Facebook, con espliciti riferimenti sessuali a una presunta relazione tra la Pellegrini e Giunta - è stata Selvaggia Lucarelli. Il presidente Barelli - prosegue - invita tutti i tesserati ad astenersi da ogni ulteriore intervento in materia, specie quando di chiara natura offensiva che ha già generato una escalation di volgarità incontrollate. Il ministro dello Sport non commenta, lascia la libertà sui social: "è giusto che ciascuno si esprima come vuole". Il regolamento del premio però andrebbe cambiato, una cosa che peraltro riguarda tutti gli sport, magari prevedendo che possa vincere qualcun altro dopo una, due, tre volte. "Fermo restando che chi ha votato lo ha fatto con onestà intellettuale" - ha aggiunto Malagò. E' l'opinione del presidente del Coni Giovanni Malagò sulle polemiche sorte tra Federica Pellegrini e Gregorio Paltrinieri sull'assegnazione a Stefano Morini, tecnico del campione olimpico dei 1500 di Rio, del premio di allenatore dell'anno 2017 a discapito di Matteo Giunta, allenatore della 'divina'. Non c'è niente di male che si nomini Stefano Morini come allenatore dell'anno. Capisco il desiderio di sostenere gli indubbi meriti del proprio tecnico, ma non lo si deve fare screditando il lavoro degli altri.

La risposta di Paltrinieri non è piaciuta affatto a Federica Pellegrini che, in tarda mattinata, ha controreplicato con due tweet di fuoco nel quale addirittura arriva ad ipotizzare una possibile querela nei confronti di Greg: 'Mancare di rispetto vuol dire insultare.e qualcuno verrà querelato per questo.io non l'ho mai fatto ma ho una mente pensante e LIBERA! È il lato bello del suo carattere, è una persona onesta, ci mette la faccia ed è assolutamente legittimata a esprimere la sua opinione, che tra l'altro è condivisibile.