MotoGP | Dovizioso: "Sono in lizza, ho le mie carte"

Regolare Commento Stampare

"Saranno tre belle gare: credo che il Campionato sia ancora aperto, come se partissimo tutti e tre da zero". Parola di Andrea Dovizioso che si appresta a Motegi a vivere la prima delle tre gare della tripletta orientale all'inseguimento di Marc Marquez in testa al mondiale con sedici punti di vantaggio. La situazione è strana: tutte e tre le case hanno una seconda guida veloce che potrebbe aiutare il compagno per il campionato (oltre a Rossi, anche Dani Pedrosa alla Honda e Jorge Lorenzo alla Ducati, ndr). Ci sono tanti punti in palio e tutto può accadere, sono felice di far parte della sfida, loro sono forti ma io sono fiducioso della mia condizione. "Sono due anni che abbiamo le Michelin e abbiamo capito che bisogna fare così, questo credo che è l'approccio che avranno tutti". La gara del 2007 infine fu semplicemente la festa perfetta con Loris sul primo gradino del podio per l'ultima volta in carriera e Stoner, 6° al traguardo, che diventava campione. Bisogna interpretare ogni situazione e quando c'è la possibilità portare a casa il massimo, sempre. Che consiglio puoi dargli?

Questo fine settimana si torna in pista in Giappone, ma il pesarese ha avuto a disposizione altre due settimane di lavoro a tempo pieno per recuperare la forma migliore. Nel corso dell'ultima gara c'è stato qualche problema di gomme ma sappiamo di essere competitivi, daremo il massimo anche in questo fine settimana. Ho anche girato in moto al Ranch ed è stato bello, anche se quando poggio il piede c'è ancora un po' di dolore, ma in moto penso di poter guidare. Sono sicuro che la moto possa funzionare bene in tutte e tre le gare.

"Chi fa pronostici al giovedì non ci prende mai, noi non li facciamo". In ogni caso con mi sento bene in ogni condizione e questa è la cosa più importante. "Si può fare sempre qualcosa di meglio, noi adesso arrivati a questo punto ci proviamo al 100%". Marquez dall'estate è forte, hanno fatto uno step con la moto è stato difficile da battere. È importante partire bene già da Motegi, per essere pronti. È impossibile fare pronostici vedremo come lavoreremo durante il weekend. Domenica si corre a Motegi, poi nelle due domeniche successive si passerà in Australia e poi in Malesia, prima dello stop per trasferirsi a Valencia per il gran finale.