MotoGp, Dovizioso: "Motegi speciale, me la gioco fino alla fine"

Regolare Commento Stampare

Andrea Dovizioso si presenta alla vigilia del Gran Premio del Giappone, quart'ultimo round del mondiale MotoGp, con 16 punti da recuperare a Marc Marquez. Il pilota romagnolo, che qui ha vinto in 125 nel 2004 e che lo scorso anno arrivò 2°, è però pronto al riscatto: "Motegi è una pista speciale, una delle mie preferite, soprattutto perché si frena molto forte e sono sicuro che su questo circuito potremo essere di nuovo protagonisti".

Guardando i risultati degli anni precedenti, si nota come Dovizioso sia molto competitivo in Giappone.

Rispetto al 2016, al momento i giochi sono ancora aperti e lo spagnolo non intende abbassare la guardia: "Mancano ancora quattro gare impegnative in cui sarà necessario dare il 100% - ha commentato il 93 - in ogni tracciato ci aspettano delle condizioni diverse, ci toccherà essere pronti ad affrontare qualunque situazione". Pista storicamente favorevole anche alla Ducati, con le tre vittorie consecutive di Loris Capirossi nel 2005, 2006 e 2007 e la vittoria 2010 di Casey Stoner, che proprio a Motegi conquistò il titolo mondiale nel 2007. L'obiettivo del numero 99 adesso è quello di salire di un paio di gradini, per celebrare finalmente il suo primo successo da ducatista: "Il podio di Aragon è stato molto importante per la squadra e ha confermato che la direzione che stiamo seguendo è quella giusta. Sono quindi molto fiducioso perché qui ho sempre ottenuto dei buoni risultati in MotoGp, conquistando due volte la pole position e lo scorso anno sono arrivato secondo", ha affermato il forlivese. Motegi e' uno dei miei tracciati preferiti, dove sono riuscito a vincere piu' volte in passato. "Penso che la nostra moto si adatti molto bene alle caratteristiche di questa pista e quindi avremo delle ottime possibilità di ottenere un buon risultato". "L'atmosfera nel team è fantastica, non vedo l'ora di trascorrere quasi un mese con i ragazzi", conclude lo spagnolo. È adatto al mio stile di guida e mi piace molto il tracciato.