Violenza sui minori, record di vittime in Italia

Regolare Commento Stampare

E più di due bambini ogni giorno sono vittime di violenza sessuale: parliamo di quasi mille minori che ogni anno nel nostro Paese sono costretti a subire questo abuso.

Le bambine sono l'83 per cento delle vittime di violenze sessuali aggravate, l'82 per cento dei minori entrati nel giro della produzione di materiale pornografico, il 78 percento delle vittime di corruzione di minorenne (cioè bambini al di sotto dei 14 anni forzati ad assistere ad atti sessuali).

"I nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'ONU sottolineano come il futuro del mondo si gioca letteralmente sulla pelle delle bambine, che la costruzione di un mondo più giusto e vivibile per tutti è condizionata dalla possibilità di assicurare salute, istruzione e diritti alle nuove generazioni di donne" (Fondazione Terre des Hommes Italia Onlus). Un dato che segna un preoccupante 6% in più rispetto all'anno precedente.

Per Raffaele K. Salinari, presidente di Terre des Hommes "Serve un impegno sempre maggiore del Governo per trovare fondi per il contrasto e la prevenzione della violenza di genere che orienti gli interventi sia in Italia che nei Paesi in Via di Sviluppo, ma diventa sempre più importante anche costituire alleanze ampie, che includano attori fra loro differenti, capaci di intervenire a tutti i livelli coinvolgendo non solo i governi, le organizzazioni già impegnate in prima linea su questi temi, i professionisti, ma anche i ragazzi e le ragazze stesse". Cresciuto del 23% il numero di vittime minori di abuso di mezzi di correzione o disciplina (266 nel 2016), ovvero di botte fino ad andare in ospedale e arrivare a denuncia. Avvenimenti tragici che il più delle volte si inseriscono nella drammatica sequela dei femminicidi. Non solo: ogni anno, circa 70mila ragazze muoiono a causa del parto e delle complicanze legate alla gravidanza. "Leggere il vostro dossier, lo dico senza alcuna accortezza retorica, è un colpo al cuore - ha proseguito - Da essere umano, prima che da uomo delle istituzioni non posso non sentire il peso delle umilianti condizioni di cosi' tante persone e della gravità delle vessazioni che subiscono". Oltre a procurare enormi sofferenze alle vittime, questa pratica nuoce all'intera comunità: il dossier cita un recente studio della World Bank secondo il quale scomparsa dei matrimoni precoci potrebbe tradursi in un risparmio di 566 miliardi di dollari (nel 2030) dovuto alla riduzione delle spese per il welfare dei singoli Stati.

Alla presentazione del dossier è intervenuto anche il presidente del Senato Grasso: "Le conseguenze di una mancata protezione e promozione del benessere infantile sono pesantissime e si ripercuotono nelle fasi successive della vita, oltre a rappresentare un gravissimo danno alla società - ha detto - Ogni bambina strappata alla violenza è una speranza di riscatto per tutti noi".

In occasione della Giornata Mondiale delle Bambine, che cade l'11 ottobre, Terre des Hommes lancia la #OrangeRevolution, per stimolare la diffusione di una cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e della discriminazione di genere. Tra le violazioni dei diritti delle bambine ci sono anche quelle legate alla tratta di esseri umani: ben il 20 percento delle 2,4 milioni di vittime sono bambine, mentre sono circa 100.000 le bimbe soldato. Spesso pensiamo che questa realtà non ci riguarda.