Formula 1, Marchionne ci crede: "La Ferrari non è inferiore alla Mercedes"

Regolare Commento Stampare

"Anche la Red Bull ha fatto passi in avanti, ma non credo che vadano a impattare il posizionamento della Ferrari in gara".

I tempi cambiano, si sa, ma l'annuncio di Marchionne durante le celebrazioni al New York Stock Exchange per i 70 anni dalla nascita del gruppo di Maranello fanno storia. D'altra parte - lasciando stare Jaguar e Porsche ormai veterani del segmento - Bentley ha già in listino il suo Suv, la Rolls Royce ha annunciato che presto ci sarà un modello del genere e la Lamborghini ha ormai sulla rampa di lancio - presentazione il prossimo dicembre - il suo attesissimo crossover Urus. Non parlo di sfortuna che non ci credo, sono cose che succedono soprattutto in gara, la cosa importante è non perdere la fiducia che ci ha portato sino a qui. "Ricordiamoci che l'anno scorso nessuno avrebbe scommesso che la Ferrari si sarebbe trovata in queste condizioni".

"Il presidente a proposito della candela da 59 euro che ha bloccato Vettel a Suzuka ha aggiunto che "...si è trattato di una sciocchezza tecnica che ha avuto un impatto su una macchina che costa milioni di euro".

La macchina, con tutta la modestia che abbiamo in Ferrari, ha fatto dei passi enormi in avanti e, senza fare l'arrogante, credo che sia allo stesso livello, se non superiore, alla Mercedes, oggi. "Ci sono ancora quattro gare, la stagione non è persa - ha detto Marchionne - Sono contentissimo di quanto ha fatto la squadra. Ho una fiducia immensa che nelle prossime quattro gare riusciremo a colmare il divario con la Mercedes".