Nazionale, incolpare il ct Ventura significa ignorare il nostro nulla

Regolare Commento Stampare

Non per me, ma per l'Italia, per la nostra storia calcistica, per quello in cui crediamo e per l'importanza che ha il calcio. "L'Italia deve andare al Mondiale". "Non aver fatto una prestazione migliore contro la Macedonia e non aver conquistato i tre punti che volevamo non può e non deve portare a sindacare sulla bontà dell'allenatore". Chiaramente sono un po' meno esuberante anche se, come dico spesso e come è tangibile, quel venti per cento di follia che mi appartiene ancora è ciò che mi ha permesso di avere questo tipo di carriera e che me lo permette ancora. Anche se oggi avessimo vinto per 1-0 non sarebbe cambiato nulla in quanto a prestazione e fluidita' di gioco.

Gli attacchi contro Ventura non sono corretti: "Per un anno ci sono stati buoni risultati e si è vista una formazione che si stava evolvendo sulle ali dell'entusiasmo". Non lo trovo corretto, perché non possono essere uno o due incontri a compromettere questo giudizio positivo.

"Una giornata come quella mi bloccherebbe e mi metterebbe a disagio.Se invece le cose nascono per gradi, senza prepararle, allora divento mattatore e faccio la mia parte", spiega Buffon a 'Corriere dello Sport' e 'Tuttosport'. Fa parte delle responsabilità del nostro ruolo e non bisogna scaricare il barile addosso ad altri. L'incoscienza aiuterebbe tanto ma sta a noi più anziani dare una mano a chi non ha questa esperienza. Se sei un veterano inizia a fare il tuo e poi aiuta chi ne ha bisogno. La divisa farà il suo debutto definitivo lunedì sera quando tutta la Nazionale indosserà' la nuova maglia col nuovo logo FIGC in bella evidenza sul campo di Scutari nel match contro l'Albania. E' normale e umano che sia così perché prima ero veramente un personaggio atipico.

Con la partita contro la Macedonia, Buffon è arrivato a quota 172 presenze con la nazionale.