Disastro azzurro, Ventura: 'La nazionale non dovrebbe essere fischiata…'

Regolare Commento Stampare

Adesso servirà l'impresa a Scutari contro un'Albania che non è più in corsa ma che se ha la possibilità di fare un dispetto all'Italia non ci penserà di certo due volte, inoltre il ct Panucci vorrà prendersi una rivincita nei confronti della FIGC che ha deciso di rivolgersi all'usato di Ventura ma, come ci insegna il mercato delle automobili, la maggior parte delle volte non si rivela una scelta certamente felice. La squadra ha poi svolto l'allenamento nello stadio del Grande Torino sotto lo sguardo attento dei bambini delle scuole calcio.

Ma la domanda che mi pongo dopo aver letto questa lista di nomi è: un CT straniero?

Un chiarimento che arriva alla vigilia della partenza per l'Albania, dove lunedì l'Italia dovrà conquistare almeno un punto per avere la certezza di accedere agli spareggi di qualificazione ai Mondiali. Il portierone è molto critico: "Pensavamo di essere ad un livello superiore di quello che siamo. Dobbiamo venirne fuori in fretta e con orgoglio e senso di responsabilità". "Negli spogliatoi ha parlato il mister, le sue parole sono più che sufficienti, dobbiamo ricominciare a divertirci, è il primo passo che bisogna compiere per tornare alla vittoria e giocare in maniera più sciolta e disinibita, se entriamo nella spirale della negatività non se ne esce più e faremo sempre peggio, serve una svolta psicologica da parte nostra".

"Il secondo tempo è stato deludente e i fischi meritati, anche se l'Italia non andrebbe mai fischiata e il pubblico dovrebbe aiutare la squadra quando è in difficoltà". Questo è il nostro obiettivo. Sono un po' deluso perché era una gara da vincere anche solo 1-0. Data l'assenza per infortunio di Verratti, De Rossi e Pellegrini, ovvero i tre centrocampisti principali a disposizione, sono partiti titolari Parolo e Gagliardini, le cui caratteristiche più importanti sono corsa, pressing e intercettamento, ma di sicuro non la costruzione del gioco. "Il gruppo comunque ha voglia di migliorare e lavorare bene, ci deve essere solo un po' più di fiducia in campo".