Roma, sorelle morte in incendio camper a Centocelle. Due arresti

Regolare Commento Stampare

Due arresti per il Rogo appiccato a Centocelle, periferia di Roma, costato la vita a tre sorelle rom. Si tratta di un 20enne e un 18enne. I riscontri a seguito di una intensa attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Roma, personale della Sezione Omicidi della Squadra Mobile di Roma, in collaborazione con la Squadra Mobile di Torino. A dover rispondere di omicidio plurimo due fratelli, Serif ed Andrea Seferovic ed altre due persone, che si trovano allo stato attuale fuori dal territorio nazionale. Il secondo, 18 anni, per il reato di incendio doloso.

La notte del 10 maggio scorso, all'interno del parcheggio del centro Commerciale "Primavera" di Piazza Mario Ugo Guatteri, l'incendio di un camper in sosta con all'interno un nucleo familiare composto da 13 persone provocò la morte delle tre sorelle che non avevano fatto in tempo ad uscire dal veicolo.

A seguito di tali problematiche il padre delle tre vittime era da tempo entrato in forte contrasto con alcuni Seferovic. Gli investigatori hanno tratteggiato anche il contesto nel quale si è consumato il delitto: l'incendio del camper che ospitava le tre sorelle sarebbe avvenuto nell'ambito di una faida tra le famiglie Halilovic e Seferovic, maturata quando entrambe vivevano nel campo rom di via Salviati.

Due fratelli arrestati per l'omicidio plurimo delle sorelle Halilovic Elisabeth, Francesca e Angelica, morte nel rogo del camper nel quartiere Centocelle a Roma. Non appena commesso il fatto, il nucleo familiare si è immediatamente allontanato dal territorio nazionale per rifugiarsi in Bosnia.

Le stesse indagini hanno evidenziato il coinvolgimento di altri due parenti degli arrestati, un maggiorenne e un minorenne, attualmente ricercati perché all'estero. Serif è stato bloccato in un mercato dell'usato dove aveva allestito un banco, Andrea mentre dormiva all'interno del suo furgone in località Moncalieri, in provincia.