Misure in legge Bilancio per Province e Città Metropolitane

Regolare Commento Stampare

Il sindacato dei servizi pubblici della Cgil denuncia, attraverso il segretario nazionale, Federico Bozzanca, "la situazione insostenibile nella quale si ritrova la gran parte di Province e Città Metropolitane, soggette negli anni a una pesante decurtazione di risorse con effetti nefasti sui lavoratori e sui servizi offerti ai cittadini".

Nella mattinata di venerdì si terrà un sit in davanti alla Prefettura di Piacenza, dalle 10 alle 12: lo hanno anticipato i rappresentanti dei lavoratori della Provincia di Piacenza, Lella Piatti di Cisl, Melissa Toscani e Cgil, Gianmaria Pighi di Uil. Mancano le risorse necessarie per garantire servizi essenziali e risulta problematica la situazione del personale transitato in altri enti. Non è stato chiesto un incontro alla città metropolitana, solo un giro all'interno del palazzo, visto che - dicono i sindacati - c'è già l'accordo di agire sul Governo con la prossima legge di bilancio deve mettere Province e Città metropolitane nelle condizioni di svolgere le funzioni che le sono state assegnate.

"In Veneto inoltre - proseguono le organizzazioni sindacali - pesa l'immobilismo della Regione per il mancato processo di riordino istituzionale che pregiudica l'attività delle Province e della Città metropolitana di Venezia, bloccando la riorganizzazione di questi enti". Crediamo che l'ormai cronico stato di fragilità finanziaria che caratterizza le Province e le Città metropolitane. l'impossibilità per molti enti di "chiudere" i bilanci il 30 settembre 2017, il ritardo nel pagamento degli stipendi, la paralisi dei servizi per assenza di risorse.il permanere del blocco del turn-over a fronte di organici falcidiati, l'impossibilità di procedere alla stabilizzazione del personale precario, siano tutte ragioni che confermano le nostre previsioni, anche alla luce degli esiti del referendum costituzionale.