John Elkann: "Non vendiamo la nostra quota in Ferrari"

Regolare Commento Stampare

"Siamo molto soddisfatti di quanto Ferrari sta facendo e di quanto potrà fare". Lo ha assicurato John Elkann in occasione dell'incontro con azionisti ed investitori di Exor, la holding di proprietà della famiglia Agnelli. Quanto all'assetto della finanziaria, Elkann ha dichiarato che Exor non ha 'nessuna intenzione di vendere' la sua quota in Ferrari. La realta' e' che Fca e' in una fase molto positiva della sua vita con la realizzazione del piano, su cui abbiamo molto creduto'. "In Fca ci sono persone che hanno tutti i numeri per essere il candidato ideale avendo lavorato con un uomo straordinario come Sergio". Elkann ha indicato che 'Le prospettive per Fca sono molto forti'. Nel terzo trimestre la società di riassicurazioni, detenuta al 100% da Exor, stima perdite pari a 475 milioni di dollari, a causa dei tre uragani che si sono abbattuti nel Golfo del Messico e sugli Stati Uniti.

Non poteva mancare un commento sull'ultimo grande investimento, la società di assicurazioni americana PartnerRe che "chiuderà l'anno con risultati positivi". "Da quando la possediamo - dice - è una società che va meglio". Il direttore finanziario, Mario Bonaccorso aggiunge che l'esercizio dovrebbe chiudere un utile netto di 243 milioni di dollari.

"Sergio ha tanti cappelli nel nostro gruppo e contribuirà ancora per tanto a quello che è il futuro di Exor" ha aggiunto il presidente di Exor. Secondo il ceo di Partner Re Emmanuel Clarke, la compagnia riassicurativa punta a raggiungere un Roe del +8/10 per cento nei prossimi 3-5 anni.

Al termine dell'Investor Day, Elkann ha confermato che Marchionne rimarrà anche dopo il 2019. "Continuerà ad appartenere alla nostra famiglia e a Torino".