Lewis Hamilton, la cattiveria su Sebastian Vettel in diretta alla tv inglese

Regolare Commento Stampare

Sebastian Vettel manda in archivio l'ultimo disastroso weekend della Ferrari e si concentra sulla prossima gara in Malesia.

Dimenticare i disastri di Singapore e guardare subito avanti voltando pagina.

Non un caso che il pilota anglo-caraibico possa essere soddisfatto: ottenendo tre vittorie consecutive dopo la pausa estiva (Belgio-Italia-Singapore), Hamilton ha prima rimontato e poi ha ribaltato la situazione in classifica, portando il suo vantaggio a 28 punti sul diretto avversario.

A spegnere i propositi di rilancio del tedesco della scuderia di Maranello è, invece, il leader del Mondiale Hamilton che - a cavallo tra ironia e sarcasmo - fa gli auguri al rivale assicurando di voler sfruttare le sue debolezze. Io cerco di fare il mio lavoro ed essere il pilota più completo cercando di non scoprirmi mai. "E gliene sono grato particolarmente per l'ultima a Singapore". E' inutile continuare ad esaminare la cosa, è meglio pensare al futuro.

La conferenza stampa si apre ovviamente con le domande sulla disastrosa partenza di Singapore. Infine, in vista della gara di domenica, Hamilton ha parlato degli obiettivi, confidando in un doppio podio Mercedes: "In Malesia puntiamo alla doppietta, anche per cancellare il ritiro della passata stagione" ha ammesso, anche se l'impressione è che, nella testa del campione inglese, la modalità fuga sia ormai attivata.

Per una volta è stato diplomatico anche Max Verstappen, che dopo le accuse al vetriolo contro Vettel dell'immediato dopo gara oggi è apparso molto meno nervoso: "Non si può tornare indietro" ha detto l'olandese "è stato un momento sfortunato e adesso ci riproviamo".