Juventus-Olympiacos: Higuain in panchina

Regolare Commento Stampare

Sicuramente a centrocampo giocheranno Miralem Pjanic e Blaise Matuidi. Ancora panchina per Higuain. Poi, presa fiducia, l'argentino si è visto pure nel prosieguo: palla filtrante per Dybala, palla respinta quasi sulla linea e tap in vincente di Mandzukic.

La Juventus ha vinto all'Allianz Stadium contro l'Olympiacos. Poco prima del quarto d'ora è stato un erroraccio di Douglas Costa ad innescare una pericolosa offensiva greca poi non finalizzata da Sebà. Le malelingue dicono che sia fuori forma e che sembra non avere la giusta concentrazione e sarebbe questo il motivo per cui Allegri l'ha fatto partire dalla panchina nel derby contro il Torino. Di tutti quelli che mi hanno accompagnato. Più movimentata la ripresa, con le due reti siglate da Higuain e Mandzukic che affondano l'Olympiacos che per 70 minuti ha sognato il colpaccio. Dopo una prima conclusione di sinistro ribattuta da Nikolaou, l'argentino e' stato rapidissimo ad arrivare nuovamente sul pallone infilandolo stavolta con il destro alle spalle di Proto. I bianconeri trovano il gol a 10 minuti dallo scadere.

Per chi appassionato di scommesse vediamo quali promozioni hanno preparato i bookmaker per questa partita che danno comunque la juve ovviamente netta favorita.

Allegri: "Higuain? Non sarà mai un problema". Sull'Olympiacos poi Allegri sottolinea: "Non dobbiamo assolutamente sottovalutarli, sono una squadra veloce che può sorprenderci in campo aperto". Il gol di Higuain?

La gara calcistica come tutte le altre partite della Juventus nella fase a gironi, sarà visibile per agli abbonati di Mediaset Premium, che si sintonizzeranno su Premium Sport HD, metre gli altri la potranno visualizzare su streaming. Il merito del gol è suo. "Dopo la delusione di Cardiff, siamo ripartiti con lo spirito giusto". riproduzione riservata ®. "Quando si perde una finale vuol dire che per le 12 partite precedenti hai gioito - spiega -". Solo una delle ultime 36 partite in questa competizione dei greci è finita in pareggio (17 vittorie, 18 sconfitte): l'1-1 contro il Benfica nell'ottobre 2013. "Gli faccio i complimenti e siamo felicissimi, perché avevamo bisogno di lui e dei suoi gol", conclude il portiere. L'importante è lavorare con calma, in silenzio, è quello che ti porta a un gran risultato, non mi lascio disturbare né dai giudizi positivi né dalle crirtiche. In conferenza gli chiedono che cosa ha pensato quando è stato richiamato alla guida dei biancorossi (già un anno fa subentrò a stagione in corso).