Test Psicologia annullati, mobilitati studenti Sapienza

Regolare Commento Stampare

Gli studenti iscritti al test, che poi è risultato invalido a causa di errori materialmente compiuti dall'Ateneo, vanno tutti ammessi così come accaduto di recente a Firenze." dichiara Alessio Folchi, Senatore Accademico di Link Sapienza " Il test d'ingresso dimostra ancora una volta la sua totale inutilità e dannosità: "non è giusto che a pagarne le conseguenze siano, come sempre, gli studenti e le studentesse". Inoltre sono stati riscontrati irregolarità nel sistema informatico. Ai candidati che parteciperanno anche al prossimo test, si legge sul sito dell'università, saranno rimborsate le eventuali spese di trasporto e o alloggio sostenute per la partecipazione alla prova di ammissione del 4 settembre.

"A seguito della decisione assunta in Senato Accademico di far gravare sul corpo studentesco un errore non imputabile a questo, ma ad una mancanza dell'amministrazione, il presidio ha ritenuto fondamentale far sentire la propria voce in maniera ancora più decisa tentando l'irruzione nel palazzo del Rettorato, il Senato Accademico, dopo aver ricevuto una delegazione di studenti, non ha però cambiato posizione e il 5 di ottobre si terrà un nuovo test. Il Rettore e il Preside di Facoltà si sono però impegnati a far entrare tutti, utilizzando il test per smistare gli studenti tra i diversi corsi". A presentarsi, lo scorso 4 settembre, furono più di 1.500 giovani. Nell'ateneo toscano, infatti, lo scorso 8 settembre si era tenuto il test per l'ingresso ai corsi di laurea triennale a numero programmato locale in Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate-controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutica e Farmacia.

A decidere l'annullamento delle prove, è stato il rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio, che a tal proposito ha firmato un decreto scaricabile dal sito dell'università all'indirizzo: corsidilaurea.uniroma1.it. I rappresentanti degli studenti invece avevano chiesto che fossero ammessi tutti gli aspiranti specializzandi, oltre il numero chiuso dei 705 posti, visto il danno creato ai ragazzi dallo stesso ateneo.

"E' inaccettabile che dopo l'annullamento del test d'ingresso se ne voglia convocare un altro". Tuttavia l'università ha già fatto sapere che sarà impossibile ammettere tutti i candidati e sarà necessario rifare le prove.