Presentata la legge elettorale "Rosatellum-bis": un terzo maggioritario e il resto proporzionale

Regolare Commento Stampare

DI MAIO: "INCIUCIO CONTRO IL M5S" - "Stanno facendo una legge elettorale per fermare il Movimento 5 Stelle, in cui FI e Pd si trovano perché stanno facendo un grande inciucio per arginare il nostro Movimento". Il testo prevede anche la possibilità che un candidato di un collegio sia presente in tre diverse liste proporzionali. In ogni singola coalizione nessuno dei generi potrà superare il 60% nei collegi uninominali a livello nazionale. La stessa quota è prevista per i partiti per ciò che riguarda i nomi dei listini proporzionali.

Saranno sei i collegi uninominali maggioritari in Trentino-Alto Adige, con i restanti cinque deputati che saranno eletti con metodo proporzionale. Si tratta di una legge che prevede di assegnare il 36% dei seggi col maggioritario (231 seggi alla Camera e 115 al Senato) e il resto col proporzionale, con uno sbarramento al 3%.

Presentata la legge elettorale
Presentata la legge elettorale "Rosatellum-bis": un terzo maggioritario e il resto proporzionale

Intanto, arriva un primo via libera da Forza Italia, che definisce la proposta "un tentativo serio" di redigere una nupova legge elettorale in vista delle prossime elezioni. "Aspettiamo di leggere ovviamente i contenuti e vedere il calendario ma noi pensiamo che questa nuova proposta possa essere presa in seria considerazione", dice il presidente dei deputati di Forza Italia Renato Brunetta. I partiti in coalizione presentano candidati unitari nei collegi uninominali. Ma rispetto a giugno non c'è più lo spettro di urne anticipate, e questo porta acqua al mulino del Rosatellum 2.0.

In realtà, il vero problema di questa legge è che non garantisce l'esistenza di una maggioranza.