Milan, Montella punta su André Silva

Regolare Commento Stampare

Dove è possibile cercheremo di avere una turnazione, non c'è tempo: siamo una squadra nuova e dobbiamo correggere difetti in maniera pratica. "Tutti i giocatori devono essere considerati, può fare la differenza per una squadra nel lungo termine".

Avrei voluto scrivere, finalmente, come si faceva cinque anni fa, di strabilianti prestazioni offerte dai bianchineri eroi nostri; siccome sono inadeguato non solo a giudicare la progettualità societaria udinese, ma anche il grado di intensità nella donazione in campo dell'anima da parte dei giocatori, continuerò a starmene defilato. "Ma se la difesa è migliorata rispetto all'anno scorso è anche merito suo". Quel che è sicuro è che al Dall'Ara l'Inter ha offerto la peggior prova della stagione, ancor più di quella già piuttosto grigia di Crotone, e che il punto ottenuto è molto generoso. Suso è importantissimo, ora probabilmente sarà più sereno perché per quanto ho letto ha rinnovato con il Milan. In quella posizione risplenderebbe un Dybala ma ovviamente gioca altrove.

Impegno importante e altrettanto difficile per gli uomini di Marco Giampaolo che, a Marassi nell'anticipo delle 12:30, ospiteranno il Milan dell'ex Vincenzo Montella.

SUL DISCORSO CON LA PROPRIETA': 'David viene sempre, è molto coinvolto e preparato. "Avessero vinto loro non ci sarebbe stato nulla da dire". "In Europa League è stato cinico ma voglio che sia ancora più rabbioso" lo ammonisce il tecnico rossonero. Riesce a stare ad alti livelli, deve più 'Inzaghirsi'. Per restare in scia con le squadre che si trovano in vetta è però fondamentale ottenere un'altra vittoria approfittando di un calendario sulla carta favorevole. Una delle alternative che sta mettendo tutti d'accordo per la qualità delle immagini che possono essere anche di buona qualità e per la possibilità di vedere gratis l'evento prescelto.

SU CALABRIA: 'Sto valutando per domani, quello è un ruolo dispendioso'. Kalinic ne fa altrettanti (uno annullato dal Var) in campionato e fa la stessa fine, dritto in panchina. Kessié? A volte ci si dimentica che parliamo di un '97. "La partita si deciderà con un tiro da fuori o vincendo i duelli individuali".

In porta Gianluigi Donnarumma e davanti a lui il trio difensivo formato da Zapata, Bonucci e Romagnoli.