Uomini e donne, per Gemma solo amicizia (anticipazioni trono over)

Regolare Commento Stampare

Ciò che incuriosirà il pubblico sicuramente sarà il contrasto tra due donne molto note al programma: Tina e Gemma da sempre nemiche.

Nuove accuse mosse dall'opinionista Tina Cipollari nei confronti della sua acerrima nemica Gemma Galgani.

Uomini e Donne: su Facebook infatti Michele D'Ambra dichiara che ha deciso di non essere uno dei partecipanti di Uomini e Donne in quanto sta conoscendo una donna, in particolare si tratta di Astrid Ceserani, la ex dama proveniente da Verona, che aveva dichiarato su Instagram di essere stata "scartata" dalla produzione del programma, tempo fa era stata una frequentazione di Giorgio Manetti. Ovviamente Gemma negherà tutto affermando che le cose con Marco non sono semplicemente andate a causa dei forti conflitti caratteriali.

Gianfranco ribadisce di essersi ritirato per l'occhiata ricevuta da Marco dopo il video del bacio, lui riconosce di avere avuto un disappunto quando l'ha visto, Tina non gli crede per niente e così la pensa Angelo!

Ma anche Marco sembra aver cambiato idea su di lei.

Francesco Chiofalo ha scritto una lettera d'amore a Selvaggia Roma.

Si apre il collegamento con la diretta fb, Valeria cerca Adriano, una ragazzo che lavora in Trenitalia e lo ha conosciuto il 19 agosto dello scorso anno, durante un lungo viaggio dalla Calabria a Roma; la signora Gioia, chef e titolare di un ristorante di futura apertura in via del Tritone, offre lavoro e cerca quattro camerieri di sala e due cuochi "capopartita" e un maitre di sala e anche due bartender, quindi un manutentore.

Gemma ha affrontato un'intervista in cui ha parlato sia dei suoi amori che della passata estate, che reputa "bellissima" nonostante le distanze prese da Marco, con cui pure ci fu un periodo di intensissimo amore. Una spiegazione che non convince per nulla la Galgani per la quale però non mancano i pretendenti come Riccardo che le dà il suo numero di telefono e balla con lei, oppure Giancarlo che le dedica una strofa di Claudio Baglioni.