Partorisce, ma rifiuta di farsi tagliare il cordone ombelicale

Regolare Commento Stampare

Lo ha riferito all'Ansa il Procuratore capo del capoluogo friulano, Antonio De Nicolo, come "segno triste dei tempi, che dimostra a che punto è arrivata la medicina difensiva". I medici dopo aver constatato che la richiesta della donna avrebbe potuto aprire la porta ad un alto rischio di emoraggia e di infezioni si sono rivolti alla Procura per chiedere un'ordinanza del giudice che consentisse loro di intervenire anche contro il parere della partoriente. Se esiste un pericolo di vita, il trattamento va fatto.

Successivamente però le condizioni del neonato hanno cominciato a non essere ottimali a seguito del il mancato distacco e i medici hanno ritenuto di trasferirlo temporaneamente in incubatrice, ma di fronte alle resistenze dei genitori hanno deciso di contattare la Procura di Udine.

"Evitarle è impossibile. Qualora arrivasse, chiaramente archivieremo. Se al contrario il neonato fosse morto in assenza di intervento, in quel caso sì che avremmo aperto un fascicolo d'indagine".

Fortunatamente Il parto è avvenuto naturalmente e il bambino, in buona salute, è stato appoggiato sulla pancia della mamma, skin-to-skin, come si cerca di fare sempre quando possibile in ogni tipo di parto, spiegano dall'Azienda sanitaria. La scelta della donna aveva motivazioni esoteriche, se così si può dire.

Alla fine i genitori hanno accettato il trattamento per il loro piccolo. Secondo il capo della Procura udinese "prima di tutto deve essere la coscienza a guidare l'operato". La procedura inventata dall'infermiera prevede che il cordone ombelicale del neonato si secchi nel giro di 3-10 giorni e poi si stacchi in modo spontaneo.

Lotus Birth deve il suo nome a Clair Lotus Day: un'infermiera californiana che nel 1974 si convinse che non avrebbe fatto recidere il cordone ombelicale del figlio, perché convinta di avere il dono di vedere l'aura delle persone. Tale rischio, inoltre, non sarebbe compensato da alcun reale vantaggio. Non si crede al medico - laureato e con esperienza nel settore - ma si crede al cretino che scrive su Facebook che per rimanere incinta bisogna bruciare gli assorbenti insanguinati; oppure che è inutile vaccinarsi, quando si può far ammalare il bambino facendolo stare vicino a chi è ammalato di morbillo o di rosolia. La donna probabilmente ha applicato una particolare tecnica chiamata Lotus Birth.