Foggia, alcune indicazioni dopo il pareggio contro il Palermo

Regolare Commento Stampare

Si attendeva una immediata reazione dopo la pesate sconfitta di Avellino e le undici reti incassate nelle prime tre giornate di campionato.

Il primo tiro in porta è di Fedato all´8´, servito dal colpo di testa di Mazzeo sul rinvio di Guarna, con un rasoterra che termina tra le braccia di Posavec. I rossoneri insistono: Fedato mette al centro un radente che Nicastro sfiora senza riuscire a deviare in rete.

Al 26´ è nuovamente sfortunato Mazzeo, che colpisce la traversa a Posavec battuto da posizione defilata.

Eppure fino all'80' era stato un gran Foggia, tutto cuore, grinta, cattiveria agonistica, che per tutto il primo tempo aveva imposto al Palermo la sua legge, il suo gioco, squadra siciliana composta da calciatori di categoria superiore, probabilmente solo di passaggio in serie B. Nella prima frazione di gioco si era visto un bel Foggia: mister Stroppa, tornato al suo canonico 4-3-3 dopo la debacle del Partenio, aveva proposto una difesa a quattro col ritorno di Loiacono sulla fascia destra, Martinelli e Camporese centrali, Rubin sulla corsia sinistra, Vacca in cabina di regia, supportato a centrocampo da Fedele e capitan Agnelli (cuore foggiano, alla fine risulterà il migliore dei suoi), con il tridente d'attacco composto da Nicastro a destra, Fedato a sinistra e bomber Mazzeo terminale offensivo.

Prima dello scadere dei minuti di recupero, c´è tempo per il tentativo a giro da fuori area di Trajkovski, ma Guarna blocca in due tempi. Sfreccia Rubin sulla sinistra con l'appoggio di tacco di Fedato, cross toccato da Struna per Nicastro che si gira con un sinistro angolato. Stroppa sostituisce uno stanco Nicastro con Chiricò. Tedino gioca anche la carta Murawski (dopo quella Embalo) e il polacco va a segno all'80': azione insistita di Embalo sulla destra, appoggio indietro, la palla finisce a Murawski che con un piazzato dai sedici metri fredda Guarna. Ultimo cambio per il Foggia: dentro Gerbo al posto di Loiacono.

Inizia la girandola dei cambi ma il Palermo continua ad attaccare con la conclusione terminata sul fondo di Nestorovski, mentre allo scoccare dell´ora di gioco Coronado calcia debolmente tra le braccia del numero 1 locale.

97' Triplice fischio da parte del sig.

Il Foggia rimanda ancora una volta l'appuntamento con la prima vittoria stagionale. Satanelli impegnati a Carpi.