Ma la Red Bull dichiara guerra alla Ferrari: "Possiamo ancora vincere"

Regolare Commento Stampare

"Sono un pochino invidioso oggi, sì, però devo accettare questa piccola sconfitta, però comunque sono fiducioso che domani vinceremo". L'irruento pilota olandese, poi, ha promesso anche di non esagerare alla prima curva: "Si cerca sempre di mettere il muso davanti, se c'e' spazio e se è possibile; altrimenti, si sta al proprio posto". Terza e quarta le Mercedes di Hamilton (+ 0 " 703) e Bottas (+ 1 " 252), mentre sprofondano le Ferrari. Bene anche le McLaren, che dopo aver annunciato la futura partnership con Renault per la fornitura della power unit riescono a stampare un ottimo 6°-7° tempo con Vandoorne e Alonso. Più preoccupante invece il rendimento di Kimi Raikkonen: il finlandese infatti ha svolto regolarmente la simulazione di qualifica prevista e il suo 9° posto a quasi 2 secondi da Ricciardo non può non preoccupare l'ambiente Ferrari. Male la Williams, con Felipe Massa quindicesimo e Lance Stroll sedicesimo; seguono le due Haas di Kevin Magnussen e Romain Grosjean. Problemi anche per Kimi Raikkonen, in difficoltà con l'assetto della sua SF70H: in ambasce nel portare a temperatura le gomme anteriori, Raikkonen ha concluso le FP2 in nona posizione.

L'"Ideal-Lap" è quindi di 1:40.780, ma sicuramente i piloti in qualifica potranno scendere fino all'1:40 basso se non infrangere questo muro. "Credo ancora alla vittoria, certo". Confermati i progressi della Red Bull su di un tracciato cittadino favorevole alla RB13. Ecco dunque gli orari delle due sessioni in programma oggi: la FP1 avrà inizio alle ore 10.30 italiane del mattino, quando a Singapore saranno già le 16.30; si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle ore 14.30 per la FP2 (le 20.30 locali), la sessione più significativa perché si disputerà all'incirca alla stessa ora delle qualifiche di sabato e della gara di domenica, un appuntamento molto delicato nella lunga lotta per il Mondiale fra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel e di conseguenza fra la Mercedes e la Ferrari, che questa volta potrebbe avere un vantaggio sui rivali dal punto di vista tecnico.

Sebastian Vettel invece non ha potuto segnare un tempo veloce con gomme Ultrasoft ma il suo passo gara è stato molto buono. Alle sue spalle l'altra Red Bull di Max Verstappen, distanziata di 5 decimi.